Trieste – Largo Città di Santos

Per iscrivervi al Gruppo cliccate sull’immagine sottostante:

Gruppo Facebook Trieste di ieri e di oggi


 
Largo Città di Santos (Google Maps)

 

CITTA DI SANTOS (largo)

Largo Città di Santos: Città Nuova-Barriera Nuova. Attigua a piazza della Libertà. C.A.P. 34135.

Intitolazione disposta con Delibera Commissario Prefettizio numero 1725 d.d. 20.4.1982, nell’ambito delle cerimonie per il gemellaggio tra le città di Santos e diTrieste, quale segno – affermò il Sindaco di Trieste allo scoprimento della targa toponomastica «di speranza e della convinzione di un futuro sempre più attivo (…). Qui si apre il Punto Franco Vecchio del Porto, da cui trassero origine le fortune di Trieste; qui è l’ingresso alla città per chi vi giunga in ferrovia o dall’aereoporto o dalle autostrade che la collegano all’Italia o all’Europa». Santos, città del Brasile, fondata dai portoghesi nel 1545, capitale dello stato brasiliano di San Paolo, sorge su un’isola della baia omonima che si apre sull’Oceano Atlantico. È il porto più importante del Brasile, notevole per l’esportazione nel mondo, specie del caffè. Il gemellaggio con Santos venne deliberato dal Consiglio Comunale di Trieste il 28.6.1977, in considerazione dei rapporti ultradecennali tra le due città e «in particolare di un’affinità di importanza commerciale ed amministrativa nell’ambito dei rispettivi Paesi e della similitudine di una pluralità di attività che comunque si incentrano nell’attività portuale». La cerimonia di gemellaggio si svolse il 13 marzo 1978 nella Prefettura di Santos, alla presenza del sindaco di Trieste Marcello Spaccini e del sindaco di Santos António Manoel de Carvalho. Il vicino edificio della Stazione Comunale delle Autocorriere (architetto U. Nordio) venne inaugurato il 5 maggio 1935. Sul largo danno i varchi del Punto Franco Vecchio, opera dell’architetto G. Zaninovich (1910-1914).

Bibliografia: A. Trampus, Vie e Piazze di Trieste Moderna, Trieste, 1989.

Un sentito ringraziamento va al Prof. Antonio Trampus, per aver acconsentito all'utilizzo dei suoi testi.
Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *