Trieste – Piazza Giuseppe Verdi

Per iscrivervi al Gruppo cliccate sull’immagine sottostante:

Gruppo Facebook Trieste di ieri e di oggi


 
Piazza Giuseppe Verdi (Google Maps)

 

VERDI Giuseppe (piazza)

Piazza Giuseppe Verdi: San Vito-Città Vecchia. Tra via del Teatro e via L. Einaudi, davanti al Teatro Comunale G. Verdi. C.A.P. 34121.
Già piazza del Teatro, questa piazza ebbe nuova denominazione con delibera Del. Mun. d.d. 27.1.1901, quando si dispose che «fra altre onoranze da tributarsi in morte di Giuseppe Verdi, è adottato di dare alla Piazza del Teatro il nome di Piazza Giuseppe Verdi». Da ricordare che tra il 1915 ed il 1918 fu ripristinata l’originaria denominazione di «piazza del Teatro». Di Giuseppe Verdi, nato a Roncole presso Busseto nel 1813 e morto a Milano nel 1901, celebre compositore italiano, si ricordano sinteticamente le opere teatrali Nabucco (1842), Ernani (1844), Macbeth (1846), Luisa Miller (1849), Rigoletto (1851), Il Trovatore (1853), La Traviata (1853), Un ballo in maschera (1859), La forza del destino (1862), Aida (1871), Otello (1887), Falstaff (1893), oltre alla molta musica da camera, sacra e per orchestra e voci. Quanto ai rapporti tra Verdi e Trieste, intensi per tutta la seconda metà dell’Ottocento, basterà qui ricordare che in questa città avvenne nel 1851 la prima rappresentazione assoluta di Stiffelio, nella cui occasione Verdi scrisse, presso 1’H6tel de la Ville, la sinfonia introduttiva. Al n. civ. 1 di piazza G. Verdi si trova il Teatro Comunale «G. Verdi», già Nuovo e poi Grande, inaugurato nel 1801 (prog. arch. G. Selva, facciata arch. M. Pertsch, direttore dei lavori dopo il 1800 C. Steinlein). Nello stesso edificio trovò sede, fin dai primi anni dalla sua costituzione, il Civico Museo Teatrale «Carlo Schmidl», attualmente in attesa di definitiva destinazione.

Bibliografia: A. Trampus, Vie e Piazze di Trieste Moderna, Trieste, 1989.

Un sentito ringraziamento va al Prof. Antonio Trampus, per aver acconsentito all'utilizzo dei suoi testi.
Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *