Trieste – Piazzale di Valmaura

Per iscrivervi al Gruppo cliccate sull’immagine sottostante:

Gruppo Facebook Trieste di ieri e di oggi


 
Piazzale di Valmaura (Google Maps)

 

VALMAURA (piazzale di)

Piazzale di Valmaura: Valmaura-Borgo San Sergio/Servola-Chiarbola. Alla confluenza delle vie dell’Istria, Fianona, Flavia e Valmaura. C.A.P. 34148.
Con Delibera del Podestà n. 6 d.d. 10.1.1942 a questo piazzale venne inizialmente dato il nome di Nicolò Giani «medaglia d’oro, mistico del Fascismo, caduto nella campagna di Grecia». Nato a Muggia il 20 giugno 1909, dopo la laurea visse a Milano, ove fondò la rivista Dottrina Fascista e promosse la costituzione del Centro di Studi Internazionali. Diresse pure la rivista Mistica Fascista e fu professore di storia e di dottrina fascista alla Facoltà di Scienze politiche dell’Università. di Pavia. Volontario nel secondo conflitto mondiale, cadde sul fronte greco il 14 marzo 1941 e alla sua memoria fu conferita la medaglia d’oro al valor militare con la motivazione: «Volontariamente, come aveva fatto altre volte, assumeva il comando di una pattuglia arditi alla quale era stato affidato il compimento di una rischiosa impresa. Affrontato da forze superiori con grande ardimento le assaltava a bombe a mano facendo prigioniero un ufficiale. Accerchiato, disponeva con calma e superba decisione gli uomini alla resistenza. Rimasto privo di munizioni si lanciava alla testa dei pochi superstiti alla baionetta per svincolarsi. Mentre in piedi lanciava l’ultima bomba a mano e incitava gli arditi al grido di “Avanti Bolzano, Evviva l’Italia” veniva mortalmente ferito. Magnifico esempio di dedizione al dovere, di altissimo valore e di amor patrio. Punta Nord Mali Scindeli, fronte greco, 14 marzo 1941. Con Delibera Presidenziale n. 407 d.d. 6.7.1946 venne soppressa la denominazione di «piazzale N. Giani» che fu sostituita con quella di «piazzale Valmaura». Valmaura è toponimo attestato fin dal XIV secolo (cfr. a. 1395: canfanestris sive Valmauri); l’etimo è incerto. Secondo Ravasini (1929), «potrebbe derivare da maura, per sciabica, quel volatile che trovasi nelle valli, e detto comunemente maura, per il piumaggio suo di color nero.. Più prudenti gli studiosi moderni; Doria (1960) ipotizza una derivazione di Valmaura da Valmajora, con caduta della j-. Al n. civ. 7 di piazzale Valmaura si trova la chiesa parrocchiale della Beata Vergine Addolorata, costruita tra il 1947 ed il 1948 (consacr. 9.3.1948); la parrocchia venne eretta canonicamente il 17.4.1955 (ric. civilm. 15.12.1955). Ai nn. civ. 8-9 si trova il Centro I.R.I. per la Formazione e l’Addestramento Professionale (C.I.F.A.P.), in edificio costruito negli anni 1961-1963 su progetto dell’arch. U. Nordio. Da ricordare ai nn. 5-6 gli ingressi dello stadio comunale (P. Grezar» (altro ingresso al n. civ. 2 di via dei Macelli).

Bibliografia: A. Trampus, Vie e Piazze di Trieste Moderna, Trieste, 1989.

Un sentito ringraziamento va al Prof. Antonio Trampus, per aver acconsentito all'utilizzo dei suoi testi.
Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *