Trieste: Piazza Unità d’Italia. Palazzo Pitteri.

Per iscrivervi al Gruppo cliccate sull’immagine sottostante:

Gruppo Facebook Trieste di ieri e di oggi


Trieste: Piazza Unità d'Italia. Palazzo Pitteri.
Foto Paolo Carbonaio
Trieste: Piazza Unità d’Italia.
Palazzo Pitteri. L’edificio (il più antico palazzo della piazza), in stile neoclassico triestino con influenze barocche e rococò, venne costruito nel 1780 su progetto di Ulderico Moro per il negoziante Domenico Plenario. In origine il sito ospitava le seicentesche case Piccardi. Nel 1801 il palazzo venne acquistato da Giovanni Iovovitz. Nel 1834 l’intera proprietà passò a Leopoldo Pitteri. Nel 1880 nei locali del pianterreno venne aperto il Caffè Flora per volere di Giuseppe Mander, che durante il giorno era il ritrovo dei coristi del teatro Verdi, mentre la notte era frequentato dagli abitanti proletari di Cittavecchia. Dopo il 1918 il locale assunse il nome di Nazionale. Negli anni Sessanta venne trasformato in locale a cura dell’esercente con l’insegna Piccolo Mondo. Nel 1937 vennero apportate delle modifiche ai locali del pianterreno. L’edificio subì una ristrutturazione generale su progetto degli architetti Celli e Tognon nel 1982. (da:biblioteche.comune.it)
Please follow and like us:

Trieste: Piazza Unità d’Italia. Palazzo Pitteri.

Per iscrivervi al Gruppo cliccate sull’immagine sottostante:

Gruppo Facebook Trieste di ieri e di oggi


Trieste: Piazza Unità d’Italia.
Palazzo Pitteri. L’edificio (il più antico palazzo della piazza), in stile neoclassico triestino con influenze barocche e rococò, venne costruito nel 1780 su progetto di Ulderico Moro per il negoziante Domenico Plenario. In origine il sito ospitava le seicentesche case Piccardi. Nel 1801 il palazzo venne acquistato da Giovanni Iovovitz. Nel 1834 l’intera proprietà passò a Leopoldo Pitteri. Nel 1880 nei locali del pianterreno venne aperto il Caffè Flora per volere di Giuseppe Mander, che durante il giorno era il ritrovo dei coristi del teatro Verdi, mentre la notte era frequentato dagli abitanti proletari di Cittavecchia. Dopo il 1918 il locale assunse il nome di Nazionale. Negli anni Sessanta venne trasformato in locale a cura dell’esercente con l’insegna Piccolo Mondo. Nel 1937 vennero apportate delle modifiche ai locali del pianterreno. L’edificio subì una ristrutturazione generale su progetto degli architetti Celli e Tognon nel 1982. (da:biblioteche.comune.it)
Please follow and like us:

Trieste: Piazza Unità d’Italia. Palazzo Pitteri.

Per iscrivervi al Gruppo cliccate sull’immagine sottostante:

Gruppo Facebook Trieste di ieri e di oggi


Trieste: Piazza Unità d'Italia. Palazzo Pitteri.
Foto Paolo Carbonaio
Trieste: Piazza Unità d’Italia.
Palazzo Pitteri. L’edificio (il più antico palazzo della piazza), in stile neoclassico triestino con influenze barocche e rococò, venne costruito nel 1780 su progetto di Ulderico Moro per il negoziante Domenico Plenario. In origine il sito ospitava le seicentesche case Piccardi. Nel 1801 il palazzo venne acquistato da Giovanni Iovovitz. Nel 1834 l’intera proprietà passò a Leopoldo Pitteri. Nel 1880 nei locali del pianterreno venne aperto il Caffè Flora per volere di Giuseppe Mander, che durante il giorno era il ritrovo dei coristi del teatro Verdi, mentre la notte era frequentato dagli abitanti proletari di Cittavecchia. Dopo il 1918 il locale assunse il nome di Nazionale. Negli anni Sessanta venne trasformato in locale a cura dell’esercente con l’insegna Piccolo Mondo. Nel 1937 vennero apportate delle modifiche ai locali del pianterreno. L’edificio subì una ristrutturazione generale su progetto degli architetti Celli e Tognon nel 1982. (da:biblioteche.comune.it)
Please follow and like us:

Trieste: Piazza Unità d’Italia. Palazzo Pitteri.

Per iscrivervi al Gruppo cliccate sull’immagine sottostante:

Gruppo Facebook Trieste di ieri e di oggi



L'immagine può contenere: una o più persone e spazio all'aperto
Trieste: Piazza Unità d'Italia. Palazzo Pitteri. 
Foto Paolo Carbonaio
Trieste: Piazza Unità d’Italia.
Palazzo Pitteri. L’edificio (il più antico palazzo della piazza), in stile neoclassico triestino con influenze barocche e rococò, venne costruito nel 1780 su progetto di Ulderico Moro per il negoziante Domenico Plenario. In origine il sito ospitava le seicentesche case Piccardi. Nel 1801 il palazzo venne acquistato da Giovanni Iovovitz. Nel 1834 l’intera proprietà passò a Leopoldo Pitteri. Nel 1880 nei locali del pianterreno venne aperto il Caffè Flora per volere di Giuseppe Mander, che durante il giorno era il ritrovo dei coristi del teatro Verdi, mentre la notte era frequentato dagli abitanti proletari di Cittavecchia. Dopo il 1918 il locale assunse il nome di Nazionale. Negli anni Sessanta venne trasformato in locale a cura dell’esercente con l’insegna Piccolo Mondo. Nel 1937 vennero apportate delle modifiche ai locali del pianterreno. L’edificio subì una ristrutturazione generale su progetto degli architetti Celli e Tognon nel 1982. (da:biblioteche.comune.it)
Please follow and like us:

Trieste: Piazza Unità d’Italia. Palazzo Pitteri.

Per iscrivervi al Gruppo cliccate sull’immagine sottostante:

Gruppo Facebook Trieste di ieri e di oggi


Trieste: Piazza Unità d'Italia. Palazzo Pitteri.
Foto Paolo Carbonaio
Trieste: Piazza Unità d’Italia.
Palazzo Pitteri. L’edificio (il più antico palazzo della piazza), in stile neoclassico triestino con influenze barocche e rococò, venne costruito nel 1780 su progetto di Ulderico Moro per il negoziante Domenico Plenario. In origine il sito ospitava le seicentesche case Piccardi. Nel 1801 il palazzo venne acquistato da Giovanni Iovovitz. Nel 1834 l’intera proprietà passò a Leopoldo Pitteri. Nel 1880 nei locali del pianterreno venne aperto il Caffè Flora per volere di Giuseppe Mander, che durante il giorno era il ritrovo dei coristi del teatro Verdi, mentre la notte era frequentato dagli abitanti proletari di Cittavecchia. Dopo il 1918 il locale assunse il nome di Nazionale. Negli anni Sessanta venne trasformato in locale a cura dell’esercente con l’insegna Piccolo Mondo. Nel 1937 vennero apportate delle modifiche ai locali del pianterreno. L’edificio subì una ristrutturazione generale su progetto degli architetti Celli e Tognon nel 1982. (da:biblioteche.comune.it)
Please follow and like us: