Trieste: Via Gioacchino Rossini 12. Casa Biasoletto-Homero.

Per iscrivervi al Gruppo cliccate sull’immagine sottostante:

Gruppo Facebook Trieste di ieri e di oggi


Trieste: Via Gioacchino Rossini 12. Casa Biasoletto-Homero.
Foto Paolo Carbonaio
Trieste: Via Gioacchino Rossini 12. Casa Biasoletto-Homero.
L’immobile è diviso in due sezioni, opera del ticinese Giovanni Righetti ed è stato eretto nel 1821. La prima sezione ha subito modifiche nell’impaginazione della facciata in periodi successivi; tuttavia, questi interventi posteriori si sono mantenuti su una linea di complementarietà e rispetto senza sconvolgere completamente il progetto originario. Infatti, la scansione dei piani, i rapporti tra pieni e vuoti ed il ritmo elegante e decoroso di questa facciata rimangono la logica conseguenza della proposta avviata dalla sezione accanto. Probabilmente, i pannelli a bassorilievi rappresentanti dei puttini che si muovono elegantemente, sono opera dello scultore bassanese Antonio Bosa il quale, in una lettera alla Deputazione di Borsa, attribuisce a se stesso la paternità (da: members.xoom.it)
Please follow and like us:

Trieste: Via Gioacchino Rossini 12. Casa Biasoletto-Homero.

Per iscrivervi al Gruppo cliccate sull’immagine sottostante:

Gruppo Facebook Trieste di ieri e di oggi


Trieste: Via Gioacchino Rossini 12. Casa Biasoletto-Homero.
Foto Paolo Carbonaio
Trieste: Via Gioacchino Rossini 12. Casa Biasoletto-Homero.
L’immobile è diviso in due sezioni, opera del ticinese Giovanni Righetti ed è stato eretto nel 1821. La prima sezione ha subito modifiche nell’impaginazione della facciata in periodi successivi; tuttavia, questi interventi posteriori si sono mantenuti su una linea di complementarietà e rispetto senza sconvolgere completamente il progetto originario. Infatti, la scansione dei piani, i rapporti tra pieni e vuoti ed il ritmo elegante e decoroso di questa facciata rimangono la logica conseguenza della proposta avviata dalla sezione accanto. Probabilmente, i pannelli a bassorilievi rappresentanti dei puttini che si muovono elegantemente, sono opera dello scultore bassanese Antonio Bosa il quale, in una lettera alla Deputazione di Borsa, attribuisce a se stesso la paternità (da: members.xoom.it)
Please follow and like us: