Trieste: Via Niccolò Paganini 6. Casa Vianello.

Per iscrivervi al Gruppo cliccate sull’immagine sottostante:

Gruppo Facebook Trieste di ieri e di oggi


Trieste: Via Niccolò Paganini 6. Casa Vianello.
Foto Paolo Carbonaio
Trieste: Via Niccolò Paganini 6. Casa Vianello.
Casa Vianello tra Via Paganini e Via San Lazzaro fu costruita alla fine del XVIII secolo e modificata nel 1881 su progetto dell’ingegnere Eugenio Geiringer. Anche se il fabbricato porta il nome della famiglia Vianello, il primo documento da cui ne risulta l’esistenza è del 1798, in cui si attesta la proprietà dell’edificio a Salvatore Morpurgo. Nel 1801 la casa apparteneva ad Iseppo Treves. In seguito, nel 1879, fu acquistata da Federico Deseppi. L’edificio ha subito notevoli trasformazioni nel tempo, specialmente ristrutturazioni interne e modifiche alla copertura, nonché un restauro generale alle facciate che ne ha alterato l’aspetto originario, pur mantenendo la disposizione dei fori ed i balconi con le caratteristiche ringhiere barocche in ferro battuto. (da: biblioteche.comune.trieste.it)

Trieste: Via Niccolò Paganini 6. Casa Vianello.

Per iscrivervi al Gruppo cliccate sull’immagine sottostante:

Gruppo Facebook Trieste di ieri e di oggi


Trieste: Via Niccolò Paganini 6. Casa Vianello.
Foto Paolo Carbonaio
Trieste: Via Niccolò Paganini 6. Casa Vianello.
Casa Vianello tra Via Paganini e Via San Lazzaro fu costruita alla fine del XVIII secolo e modificata nel 1881 su progetto dell’ingegnere Eugenio Geiringer. Anche se il fabbricato porta il nome della famiglia Vianello, il primo documento da cui ne risulta l’esistenza è del 1798, in cui si attesta la proprietà dell’edificio a Salvatore Morpurgo. Nel 1801 la casa apparteneva ad Iseppo Treves. In seguito, nel 1879, fu acquistata da Federico Deseppi. L’edificio ha subito notevoli trasformazioni nel tempo, specialmente ristrutturazioni interne e modifiche alla copertura, nonché un restauro generale alle facciate che ne ha alterato l’aspetto originario, pur mantenendo la disposizione dei fori ed i balconi con le caratteristiche ringhiere barocche in ferro battuto. (da: biblioteche.comune.trieste.it)